Cossiga:”Bisogna fermarli,anche il terrorismo partì dagli atenei”

Di seguito un’intervista shock del Presidente Cossiga sull”uso della forza contro le mobilitazioni studentesche di questi giorni annunciato da Berlusconi.

PRESIDENTE Cossiga, pensa che minacciando l`uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato?

«Dipende, se ritiene d`essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo.Ma poiché l`Italia è uno Stato debole, e all`opposizione non c`è il granitico Pci ma l`evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire?

«Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno».

Ossia?

«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito…».

Gli universitari, invece?

«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

Dopo di che?

«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

Nel senso che…

«Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».

Anche i docenti?

«Soprattutto i docenti».

Presidente, il suo è un paradosso, no?

«Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia torna il fascismo», direbbero.

«Balle, questa è la ricetta democratica: spegnere la fiamma prima che divampi l`incendio».

Quale incendio?

«Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà a insanguinare le strade di questo Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle università.E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale».

E` dunque possibile che la storia si ripeta?

«Non è possibile, è probabile. Per questo dico: non dimentichiamo che le Br nacquero perché il fuoco non
fu spento per tempo».

Il Pd di Veltroni è dalla parte dei manifestanti.

«Mah, guardi, francamente io Veltroni che va in piazza col rischio di prendersi le botte non ce lo vedo. Lo vedo meglio in un club esclusivo di Chicago ad applaudire Obama…».

Non andrà in piazza con un bastone, certo, ma politicamente…

«Politicamente, sta facendo lo stesso errore che fece il Pci all`inizio della contestazione: fece da sponda al movimento illudendosi di controllarlo, ma quando, com`era logico, nel mirino finirono anche loro cambiarono radicalmente registro.La cosiddetta linea della fermezza applicata da Andreotti, da Zaccagnini e da me, era stato Berlinguer a volerla… Ma oggi c`è il Pd, un ectoplasma guidato da un ectoplasma. Ed è anche per questo che Berlusconi farebbe bene ad essere più prudente».

Di Andrea Cangini su Il Giorno/Resto del Carlino/La Nazione del 23/10/2008

Annunci

8 Risposte to “Cossiga:”Bisogna fermarli,anche il terrorismo partì dagli atenei””

  1. pippocadoni Says:

    da neuro delirio aggravata dalla codnizione di demenza senile…che dire di un vecchio che ha perso ogni contatto con la verità

  2. vana Says:

    ma io mandrei lui in ospedale…che cosa dice????
    ma si rende conto delle cose chre ha detto????
    sono shoccata..
    quello da ammazzare di botte è lui, di certo non gli studenti che manifestano per i loro diritti e soprattutto quei pochi insegnanti sensati che prendono parte attiva alla manifetsazione.
    vergogna! è solo un vecchio che blatera!

  3. Scambio epistolare Cossiga-Caruso « Insorgenze d’alta quota Says:

    […] Il Tempo del 10 novembre 2008, è Francesco Cossiga, che nei giorni scorsi è stato protagonista di inquietanti suggerimenti al governo sulla vicenda delle mobilitazioni nelle scuole contro la riforma-Gelmini, e Francesco […]

  4. Margarita Says:

    Do you mind iif I quote a ffew of your articles as long as
    I provide credit and souyrces back to your website? My blog site is iin the vrry samee area of interest as
    yours and my visitors would really benefit from a lot of the information you present here.
    Please let me know iif this okay with you. Thank you!

  5. Piper Says:

    Excellent post. Keeep posting such kind of info on your blog.
    Im rwally impressed by it.
    Hi there, You have performed an excellent job.
    I will definitely digg it and individually suggest to my friends.

    I am sure they will be benefited from this site.

  6. Maisfitness.over-blog.com Says:

    Wow, this article is fastidious, my younger sister is analyzing
    these kinds of things, therefore I amm going
    to convey her.

  7. http://suplementoextramais.blog.com/ Says:

    Heу! Dο you use Twіtter? I’d like to follow you if
    that would bе ok. I’m abѕolutely enjoying your blog and look forward to new
    updates.

  8. blog.com Says:

    I am sure this ρiece of writing has touched all the internet people,
    its really really nice paragraph on buіlding up new
    ωeblog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: