Gaza: lettera ai politici italiani

Luisa MorgantiniLettera ai politici italiani da parte di Luisa Morgantini, deputato europeo del Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea e vice presidente del Parlamento europeo.

Non una parola, non un pensiero, non un segno di dolore per le centinaia di persone uccise, donne, bambini, anziani e militanti di Hamas, anche loro persone. Case sventrate, palazzi interi, ministeri, scuole, farmacie, posti di polizia. Ma dove è finita la nostra umanità. Dove sono i Veltroni, con i loro “I care”, come si può tacere o difendere la politica di aggressione israeliana

La popolazione di Gaza e della Cisgiordania, i palestinesi tutti, pagano il prezzo dell’incapacità della Comunità Internazionale di far rispettare ad Israele la legalità internazionale e di cessare la sua politicale coloniale.

Certo Hamas con il lancio dei razzi impaurisce ed è una minaccia contro la popolazione civile israeliana, azioni illegali, da condannare. Bisogna fermarli.

Ma basta con l’ impunità di Israele e dei ricatti dei loro gruppi dirigenti.

Dal 1967 Israele occupa militarmente i territori palestinesi, una occupazione brutale e coloniale. Furto di terra, demolizione di case, check point dove i palestinesi vengono trattati con disprezzo, picchiati, umiliati, colonie che crescono a dismisura portando via terra, acqua, distruggendo coltivazioni. Migliaia di prigionieri politici, ai quali sono impedite anche le visite dei familiari.

Ma voi dirigenti politici, avete mai visto la disperazione di un contadino palestinese che si abbraccia al suo albero di olivo mentre un buldozzer glielo porta via e dei soldati che lo pestano con il fucile per farglielo lasciare, o una donna che partorisce dietro un masso e il marito taglia il cordone ombelicale con un sasso perché soldati israeliani al check point non gli permettono di passare per andare all’ ospedale, o Um Kamel, cacciata dalla sua casa, acquistata con sacrifici perché fanatici ebrei non sopravissuti all’olocausto ma arrivati da Brooklin, pensando che quella terra e quindi quella casa sia loro per diritto divino, sono entrati di forza e l’hanno occupata perché vogliono costruire in quel quartiere arabo di Gerusalemme un’altra colonia ebraica. Avete mai visto i bambini dei villaggi circostanti Tuwani a sud di Hebron che per andare a scuola devono camminare più di un ora e mezza perché nella strada diretta dal loro villaggio alla scuola si trova un insediamento e i coloni picchiano ed aggrediscono i bambini, oppure i pastori di Tuwani che trovano le loro tanche d’acqua o le loro pecore avvelenate da fanatici coloni, o la città di Hebron ridotta a fantasma perché nel centro storico difesi da più di mille soldati 400 coloni hanno cacciato migliaia di palestinesi, costringendo a chiudere più di 870 negozi.

Avete visto il muro che taglia strade e quartieri che toglie terre ai villaggi che divide palestinesi da palestinesi, che annette territorio fertile e acqua ad Israele, un muro considerato illegale dalla Corte Internazionale di giustizia. Avete visto al valico di Eretz i malati di cancro rimandati indietro per questioni di sicureza, negli ultimi 19 mesi sono 283 le persone morte per mancanze di cure, avrebbero dovuto essere ricoverate negli ospedali all’estero, ma non sono stati fatti passare malgrado medici israeliani del gruppo Phisician for Human rights garantissero per loro. Avete sentito il freddo che penetra nelle ossa nelle notte gelide di Gaza perché non c’è riscaldamento, non c’è luce, o i bambini nati prematuri nell’ospedale di Shifa con i loro corpicini che vogliono vivere e bastano trenta minuti senza elettricità perché muoiano.

Avete visto la paura e il terrore negli occhi dei bambini, i loro corpi spezzati. Certo anche quelli dei bambini di Sderot, la loro paura non è diversa, e anche i razzi uccidono ma almeno loro hanno dei rifugi dove andare e per fortuna non hanno mai visto palazzi sventrati o decine di cadaveri intorno a loro o aerei che li bombardano a tappeto. Basta un morto per dire no, ma anche le proporzioni contano dal 2002 ad oggi per lanci di razzi di estremisti palestinesi sono state uccise 20 persone. Troppe, ma a Gaza nello stesso tempo sono stati distrutte migliaia e migliaia di case ed uccise più di tre mila persone tra loro centinaia di bambini che non tiravano razzi.

Dopo le manifestazioni di Milano dove sono state bruciate bandiere israeliane, voi dirigenti politici avete tutti manifestato indignazione, avete urlato la vostra condanna. Ne avete tutto il diritto. Io non brucio bandiere né israeliane né di altri paesi e penso che Israele abbia il diritto di esistere come uno Stato normale, uno stato per i suoi cittadini, con le frontiere del 1967, molto più ampie di quelle della partizione della Palestina decisa dalla Nazioni Unite del 1947.

Avrei però voluto sentire la vostra indignazione e la vostra umanità e sentirvi urlare il dolore per tante morti e tanta distruzione, per tanta arroganza, per tanta disumanità, per tanta violazione del diritto internazionale e umanitario. Avrei voluto sentirvi dire ai governanti israeliani: Cessate il fuoco, cessate l’assedio a Gaza, fermate la costruzione delle colonie in Cisgiordania, finitela con l’ occupazione militare, rispettate e applicate le risoluzioni delle Nazioni Unite, questo è il modo per togliere ogni spazio ai fondamentalismi e alle minaccie contro Israele.

Lo dicevano migliaia di israeliani a Tel Aviv; ci rifiutamo di essere nemici, basta con l’occupazione.

Dio mio in che mondo terribile viviamo.

Da PeaceReporter del 05/01/2009

Annunci

Una Risposta to “Gaza: lettera ai politici italiani”

  1. Giuseppe da Enna Says:

    Cara Luisa Morgantini,
    E’ vero dove ci sono ingiustizie bisogna combatterle. E’ un dovere di ogni uomo, di ogni cittadino di questo mondo. Specie dove queste ingiustizie ledono uno dei principali diritti: quello di VIVERE.
    Forse il Parlamento Europeo potrà fare molto, l’O.N.U. potrà fare molto, purtroppo penso che il Governo Italiano potrà fare poco.
    Gli Italiani il problema giustizia ce l’hanno in casa loro: quanti diritti vengono negati, quanti diritti lesi. Per la giustizia, per la legalità, anche in Italia politici, magistrati, poliziotti, comuni cittadini hanno perso la vita. Certamente i nostri prblemi non rivestono la stessa emergenza palestinese, ma certamente qualcuno anche in Italia dovrà porsi questi problemi.
    E’ intollerabile perdere la vita in Italia a causa delle mafie di qualsiasi genere esse siano.
    E’ intollerabile che in Italia perda il posto di lavoro il povero operaio e il dirigente che s’è fregato miliardi o ha amministrato male non paga di persona, anzi viene assolto per immunità o per prescrizione dei termini e alcune volte viene ahce premiato.
    E’ intollerabile la RACCOMANDAZIONE che apre tutte le porte ai privileggiati e le chiude ha chi ha diritto: dal diritto alla salute al posto di lavoro…
    E’ intollerabile che io perda la casa, realizzata in cooperativa, dopo che mi sono indebitato con le banche, ho versato il triplo delle somme dovute, ho denunciato gli illeciti di chi ha amministrato la cooperativa: la giustizia archivia le mie denunce, ed io dovrò lasciare l’unica casa in cui abito con il mio nucleo familiare. E’ intollerabile che si chiede al cittadino di collaborare con la giustizia e poi la stessa lo lascia solo in balia dei prepotenti.
    ANCHE IN ITALIA ABBIAMO ALCUNE EMERGENZE, sarebbe il caso che l’Europa ci desse una mano.
    Solidarietà piena agli indifesi della Palestina. Non è tollerabile la morte di un Palestinese tanto quanto quella di un Isdraeliano. Fermare le armi subito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: