31 ottobre: UN NUOVO INIZIO!

MANIFESTO 31 OTTOBRE 2009

Il 18 luglio scorso a Roma è stata lanciata, nell’ambito di un’ampia e partecipata assemblea nazionale, l’idea della costituzione di un soggetto federato della sinistra comunista, antagonista, anticapitalista e d’alternativa. Questo processo guarda alla ricostruzione di una soggettività forte e credibile della sinistra italiana ed europea, che non ha rinunciato a battersi per la trasformazione del modello capitalistico in senso socialista.

Per far questo bisogna pazientemente ricostruire un “punto di vista” e un orizzonte di classe dei processi di frammentazione sociale prodotti dal neoliberismo selvaggio, che sappia indicare risposte e strade(nè episodiche, nè contingenti) per il suo superamento.

Alla drammatica crisi attuale si può rispondere da destra o da sinistra. La via e la ricetta proposta dalla destra è quella dell’individualismo selvaggio, della mercificazione di ogni cosa, dello sfruttamento rapinatorio della natura, della distruzione di ogni residuo equilibrio ambientale fino a mettere a rischio la stessa sopravvivenza della vita sul pianeta.

La cosiddetta “sinistra” moderata si è proposta finora lo scopo di “temperare” queste ricette condividendone l’impianto ideologico di fondo.

Compito nostro è invece quello di denunciare la barbarie in atto e di indicare una nuova via di uscita, di proporre un altro progetto di società.

IL capitalismo non è affatto l’approdo finale della storia umana. Ritorna attuale la dicotomia: socialismo o barbarie!

All’ attuale frammentazione dei soggetti sociali, che rende difficile la costruzione di un punto di vista unificante e alternativo dei problemi e soprattutto delle risposte alle ricette del neoliberismo, è corrisposta sul piano politico l’ideologia del superamento dei partiti politici, della riduzione della politica a puro tecnicismo gestionale.

La politica è apparsa così sempre più luogo separato e autonomo dalla società. il concetto stesso di democrazia è entrato in crisi; è venuta affermandosi la soluzione e la semplificazione liederistica  sul piano della organizzazione della rappresentanza e nell’assunzione delle decisioni istituzionali e politiche.

Il campo della cosiddetta sinistra radicale, nel pieno di questa lunga fase di ubriacatura neoliberista  ha  risposto, più che con visioni di insieme, inseguendo il nemico di classe sul suo stesso terreno. Spesso assumendone e introiettandone i paradigmi di fondo: leaderismo, autonomia della politica, frammentazione etc.. In questo orizzonte e dentro questo contesto va collocata la sconfitta epocale dell’aprile 2008 e  del giugno 2009.

Ma da questa situazione si può e si deve uscire.

La proposta, che lanciamo anche nel nostro territorio, della costruzione della Federazione della sinistra comunista, anticapitalista di alternativa, si colloca in questa direzione proponendo la costruzione di un soggettività politica forte, autorevole, credibile, autonoma capace di interpretare con efficacia le istanze di cambiamento.

Per discutere su questi temi e sul processo di costituzione anche nel nostro territorio della Federazione è convocata un assemblea di tutti i soggetti interessati a questo percorso, a cominciare naturalmente dal Prc e dal Pdci. L’assemblea si terrà sabato prossimo 31 ottobre alle ore 15,30 presso il salone delle riunioni della Camera del lavoro di Enna, sita in Via Carducci, 16.



Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: