Lo Bello, Ciancio ed Enna: quale legame?

Ivan Lo Bello. Mario Ciancio Sanfilippo. Cosa lega il nome del Presidente di Confindustria Sicilia, alfiere della lotta al racket delle estorsioni (meglio conosciuto come “pizzo”) e agli imprenditori collusi, a quello di uno dei personaggi più potenti ed oscuri della Sicilia?

Negli ultimi due giorni si sono succeduti due eventi di portata notevole e, come si sa, quando si tratta di mafia, parlare di “coincidenze” lascia il tempo che trova.

In una intervista al Corriere della Sera di ieri, il Presidente Lo Bello affermava: «Oggi la capitale della mafia imprenditrice non è Palermo ma Catania».  Secondo Lo Bello, infatti, qui si è «pienamente affermata una mafia che lascia alle cosche minori, spesso esterne a Cosa Nostra, i vecchi affari illeciti per dedicarsi ad attività apparentemente pulite. A Catania i mafiosi di rango e consolidata tradizione non sparano più e non chiedono nemmeno il “pizzo” ma sono imprenditori che hanno monopolizzato una fetta di settori come i trasporti, il calcestruzzo, il movimento terra e alcuni servizi alle imprese». Ancora, parlando dei centri commerciali, la cui densità nel territorio catanese è la più alta d’Italia, continuava dichiarando che «nella fase di costruzione di buona parte di questi centri commerciali la mafia si è pesantemente infiltrata» (A. Sciacca, Lo Bello: Catania capitale della mafia imprendritrice. Qui i boss non sparano più, Corriere della Sera, 29 novembre 2010, p. 23).

Sul Fatto quotidiano di oggi è uscita una indiscrezione secondo cui Mario Ciancio Sanfilippo sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura distrettuale antimafia di Catania per concorso esterno in associazione mafiosa (D. V. Rizzo, A. Condorelli, Odore di mafia per Mario Ciancio, il più potente editore siciliano, Il Fatto Quotidiano, 30 novembre 2010). Ma chi è quest’uomo? Mario Ciancio è il principale controllore del sistema dell’informazione in Sicilia; già Presidente della Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali), attualmente è vicepresidente dell’Ansa, editore-direttore del quotidiano “La Sicilia” e proprietario de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, detentore di quote del “Giornale di Sicilia” e della “Gazzetta del Sud”, controllore, attraverso i suoi familiari, delle principali emittenti televisive regionali, proprietario di un centro tipografico in cui vengono stampati i maggiori quotidiani italiani; oltre a ciò, Ciancio ha le mani in pasta anche in altri settori, dall’edilizia all’agricoltura alla grande distribuzione. Un profilo puntuale del personaggio è tracciato in questo servizio di Report del 15 marzo 2009.

Il contenuto dei due articoli ha una evidente correlazione: verrebbe da dire che Lo Bello dia il “la” alla Procura catanese. Ma, oltre a questo, vi è (e questa non è un’ipotesi, ma un dato della realtà) un altro elemento che lega le due figure: il laureifico ennese. Ivan Lo Bello e Mario Ciancio Sanfilippo, infatti, siedono fianco a fianco all’interno del Consiglio universitario della Kore di Enna! A non far reputare degno di considerazione quell’organismo non serviva certo la presenza di Ciancio; basti pensare che il Consiglio universitario della Kore annovera tra i suoi componenti tal Pietrangelo Buttafuoco,  giornalista autore della prefazione a quel panegirico sul senatore Crisafulli che di certo non lascerà traccia nella storia della letteratura (M. Di Fazio, l barone rosso. Leader maximo della sinistra siciliana, Bonfirraro, 2009). Non confido certo in una presa di posizione del laureificio. Purtuttavia, poiché credo nella giustezza delle battaglie sul fronte della legalità e della trasparenza portate avanti negli ultimi anni dalla dirigenza di Confindustria Sicilia, che hanno contribuito indubbiamente ad accendere i riflettori sulle responsabilità di una classe sociale, quella degli imprenditori, troppo spesso raffigurata come vittima piuttosto che strumento della mafia, proprio al fine di onorare questa causa e rendere limpida, senza macchia, la sua azione, perché il Presidente Lo Bello non chiede al Consiglio dell’università Kore, quanto meno in via cautelativa, di sospendere dal proprio incarico Ciancio?


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: