Trasferimento della statua di Mazzini. Costituito ufficialmente il Movimento “Enna città laica”

L’assemblea pubblica tenutasi mercoledì 22 febbraio, promossa sulla pagina facebook “Enna città laica. Mazzini resti dov’è”, ha avuto un riscontro straordinariamente positivo.

L’incontro, molto partecipato, è stato arricchito dalle numerose e valide proposte dei rappresentanti di diverse associazioni, di gruppi cattolici e non e dei liberi cittadini.

“Laicità” e “Memoria” le parole chiave dei diversi interventi che hanno sottolineato e ribadito il desiderio di continuare a lottare affinché la statua di Mazzini non venga rimossa dalla sua attuale collocazione. D’altro canto, è emersa la richiesta, rivolta all’Amministrazione Comunale e alla comunità ecclesiastica, di individuare un luogo più idoneo alla natura delle celebrazioni per il 600° della Madonna della Visitazione che non intacchi, al contempo, lo spirito del Risorgimento che piazza Mazzini, già piazza Garibaldi, custodisce a nome della città di Enna da oltre 150 anni e, a tal fine, di riflettere sulla possibilità di utilizzare l’area che circonda la Chiesa di Montesalvo, logisticamente più adatta al grande evento religioso, oltreché inserita appieno nel percorso storico-religioso che contraddistingue i festeggiamenti mariani.

L’assemblea ha poi deciso di costituirsi nel comitato “Enna città laica” e di portare avanti una pluralità di iniziative: tra le principali di queste, si segnala la prosecuzione della raccolta di firme e l’organizzazione di una “Festa della laicità” nel mese di marzo da tenersi in piazza Mazzini. Altre proposte, egualmente valide, saranno sviluppate e portate in campo dal comitato nei prossimi mesi.
Chiunque fosse interessato è invitato a partecipare ai prossimi incontri, che verranno tempestivamente propagandati dalla pagina facebook, e ad aderire ai gruppi di lavoro che prenderanno vita nei prossimi giorni per l’elaborazione e lo sviluppo delle iniziative. Per questo, e per qualsiasi altra informazione, viene messo a disposizione il seguente indirizzo di posta elettronica: ennalaica@gmail.com.

Da Enna Press del 24/02/2012

Links correlati:

Trasferimento della statua di Mazzini. Il sindaco di Enna Paolo Garofalo “Tanto rumore per nulla” (Da Enna Press del 29/02/2012)

Mazzini o la Madonna? Se ne parla (Dal Giornale di Sicilia del 28/02/2012)

Statua Mazzini si-Statua Mazzini no. La diatriba a Enna continua (Da Enna Press del 28/02/2012)

Mazzini o la Madonna? Battaglia sulla statua (Dal Giornale di Sicilia del 27/02/2012)

Nuove proposte su «Facebook» a favore della statua di Mazzini (Da La Sicilia del 25/02/2012)

“Enna città laica”: continuare a lottare affinché la statua di Mazzini non venga rimossa (Da Dedalo del 24/02/2012)

Annunci

Una Risposta to “Trasferimento della statua di Mazzini. Costituito ufficialmente il Movimento “Enna città laica””

  1. Michele Sabatino Says:

    Personalmente sono contrario alla sostituzione della statua di Mazzini con qualle di Maria SS. della Visitazione. Si tratta di rinnegare il nostro passato e quella contrapposizione storica e culturale tra cultura laica e spirito religioso della città di Enna che da sempre si sono democraticamente e pacificamente contrapposti e rispettati. La storia di questa città è stata contraddistinta – come per tantissime altre città italiane – dal confronto tra il potere clericale e quello municipale. E così l’Italia anche quella del Sud è stata fatta da Chiesa e Stato. La Chiesa e la nostra Patrona è già ben presente attraverso il monumento della Cattedrale mentre chi volle porre quella statua intendeva risaltare l’altra anima della città quella laica e repubblicana. Perchè modificare, rinnegare o disconoscere un percorso storico di questa città? Inviterei il Sindaco a ridiscutere la scelta, a non dimenticersi del nostro passato, a trovare soluzioni altre alla devozione della nostra Patrona! Piuttosto che sostituire statue ed eroi del risorgimento italiano e municipale (non dimentichiamoci che due sono le statue apposte nell’allora periodo storico – Giuseppe Mazzini e Napoleone Colaianni) sarebbe il caso che si pensasse ad altro: chiusura centro storico, viabilità, parcheggi, verde pubblico e arredo urbano, commercio, e altro ancora! Speriamo che l’attenzione della nostra amministrazione laica e democratica si rivolga a problemi altri piuttosto che a tale stupido populismo fatto di cerimonie, apparenza e spettacoli specie in tempo di crisi. Grazie Sig. Sindaco! Michele Sabatino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: