Mai più complici: 25 novembre contro la violenza sulle donne

La lingua è una porta stretta ma rivela molto della cultura che esprime. E la fatica che fa oggi la nostra lingua a riconoscere la violenza contro le donne dice molto del nostro paese: non riusciamo a tradurre adeguatamente Stalking e solo da poco siamo riusciti a far entrare nel lessico corrente la forma Femminicidio, già da tempo adottata dalle organizzazioni internazionali.

Il rifiuto di nominare le forme di una violenza che ha distinto l’Italia nel mondo, portando alla «visita» della rapporteur dell’ONU Rashida Manjoo, esprime in maniera eloquente la resistenza a misurarsi con un crimine che interroga direttamente gli equilibri civili di un paese. «Ciò che non si dice non esiste», ha scritto Cecilia Robustelli, storica della lingua italiana: parlare di femminicidio equivale a poter nominare il fatto che questo crimine attiene al genere, ossia che muoiono donne – ma anche bambine e ragazze – e muoiono per mano maschile.

Le parole sono cose, non da oggi. La disputa sulla qualità estetica di un vocabolo non può impedire di vedere cosa c’è dietro. Una parola che non ci piace evoca qualcosa che non ci piace: non respingiamo la sequenza delle sillabe, ma il referente di quel vocabolo: le donne che muoiono e gli uomini che «le amavano» e le uccidono. Non c’è «ma» tra l’amore e la morte in queste cronache: sono delitti «passionali», l’omicida «aveva paura di essere tradito» o «era stato abbandonato».

L’amore «malato», offeso o rifiutato, diviene una movente, a dispetto delle leggi, ancora largamente tollerato. Chiediamoci allora quanto ha pesato il racconto e l’esaltazione di una disponibilità continua, che ha segnato il racconto delle donne degli ultimi venti anni. E chiediamoci quanto ha pesato il lungo silenzio – trasversale – maschile che ha accompagnato quel racconto.

Manjoo lo ha scritto con grande chiarezza nel suo rapporto alle Nazioni Unite: la violenza si presenta in queste forme e con questi numeri quando una cultura la tollera e le leggi non riescono a contrastarla. È necessario, allora, che il nostro quadro legislativo si attrezzi a riconoscere il crimine del femminicidio, della persecuzione e dell’abuso, in tutta la loro gravità e faccia cadere il velo che ancora copre la violenza domestica.

La Commissione Esteri del Senato si sta muovendo per la ratifica «secca» del Trattato di Istambul: davvero ci si augura che accada e che dalle parole si passi ai fatti, sostenendo le reti di aiuto e prevenzione della violenza. Ma non basta: perché cambi l’aria è necessario rompere la rete di complicità che sostiene la violenza e ricostruire un senso comune, dove gli uomini non amino le donne più della loro vita, riprendendo il titolo del bel dialogo di Cristina Comencini.

Per farlo, come abbiamo scritto a maggio, quando abbiamo lanciato l’appello «Mai più complici», gli uomini devono prendere parola e rompere il muro del silenzio complice che arriva fino a noi. La violenza esce dalla vita delle donne se donne e uomini trovano insieme la forza di stanarla e respingerla, se si trovano forme e parole nuove che esprimano il rispetto, il coraggio e la libertà.

Di Fabrizia Giuliani su Pubblico del 25/11/2012

NO MORE FEMMINICIDIO!

aderisci alla “Convenzione contro la violenza maschile sulle donne”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: