Non è un disastro. E’ molto peggio

tsunamiAllora, visto che a differenza dei dirigenti del centrosinistra in questo spazio non ci sono carriere da difendere, possiamo discuterne in tutta sincerità: da qualunque parte della sinistra si guardi – moderata, moderata ma radicale, radicale e basta – la sconfitta è totale.

1. Ricordiamo sommessamente che 14 mesi fa Berlusconi era molto e sepolto, Monti non esisteva e Grillo aveva il 4 nei sondaggi. Se non si è andati al voto è grazie alle pressioni del presidente della Repubblica e all’accondiscendenza suicida di Bersani.

2. Le primarie si sono rivelate l’ennesima illusione collettiva, così come lo furono nel 2005. La democrazia non è roba utile per questo Paese. Vincono quelli che fanno per sé, perché fanno per tre (vedi Berlusconi, ma anche Grillo).

3. La sinistra radicale (sia Sel che Rc) esce ancora una volta con le ossa rotte dal voto. Proprio in una fase storica che, paradossalmente, mette in evidenza i fallimenti del riformismo come finora è stato inteso. Forse è davvero ora di fare spazio ai giovani e di riunificare un’area divisa più dalle inimicizie personali che dalle divergenze politiche.

4. Chi protesta, chi è attivo nelle lotte, non sceglie a sinistra ma opta per il Movimento Cinque Stelle. È il momento di togliersi la puzza da sotto il naso (parlando sempre di fascismo e di matite ciucciate, ad esempio) e provare a ricordarci che, programma alla mano, il 70 per cento delle proposte del M5S è di estrema sinistra. La domanda è questa: perché l’elettorato si affida a Grillo e non all’originale? Sono molto sincero: la risposta che avrei in mente è troppo deprimente per dirla. Ma magari ha un fondo di verità: perché Grillo va di moda.

5. Se il Pd fa la grande alleanza con il Pdl alle prossime elezioni il M5S prende l’80 per cento. Conoscendo gli enrichiletta, la cosa è possibile.

6. Nonostante i giganteschi spot a reti unificate, Monti porta a casa un deprimente 10 per cento. È l’unica soddisfazione della giornata. E conferma l’incapacità d’analisi del Pd, che non ha fatto altro che evocarne un futuro accordo.

7. Tornando alla sinistra radicale. Ingroia era e resta una splendida persona. Che ho votato con convinzione. Ma aveva ragione il direttore di questa rivista, Paolo Flores d’Arcais. Bisognava saltare il giro e prepararsi al futuro caos post-voto. Devo essere sincero: credevo si sbagliasse. Adesso, comunque sia, invitare Ingroia a fare le valige è un gioco semplice e pure codardo. Credo resti una risorsa, così come lo è quel simbolo, il Quarto Stato. Che adesso non va di moda, ma che ha un suo valore e una sua ragione d’esistere.

8. Infine Berlusconi. Resta il politico più straordinario della storia di questo Paese. In senso negativo, certo. Eppure rimane drammaticamente unico. Chi non lo ha stritolato 14 mesi fa deve dimettersi una volta per tutte.

9. Basta parlare di politica. D’ora in poi motori, donne, discoteca.

Di Matteo Pucciarelli su MicroMega del 25/02/2013

Annunci

2 Risposte to “Non è un disastro. E’ molto peggio”

  1. enza turrisi (@enzaturrisi) Says:

    checché se ne pensi, RC è rimasta schiacciata dal voto utile, e forse non tanto quello a chi lo invocava, pd/sel, in funzione anti-berlusconi, ma voto utile a mandare via la vecchia politica quella dell’inciucio che già abbondantemente si profilava all’orizzonte nelle moine e scaramucce d’amanti tra pd e monti, e quindi proprio contro il pd. Al di là della conoscenza del programma, gli elettori hanno intuito il voto a Grillo non solo numericamente dirompente, la “moda” di cui parla Matteo, contro la suddetta politica, ma anche più vicino ai propri interessi (e in questo certamente un voto per portare avanti politiche sociali di sinistra) più di quanto garantisse di fare il centrosinistra con la sua proposta politica in continuazione dell’agenda monti (con o senza proprietario dell’agenda stessa, cioè il fautore di una disastrosa politica recessiva e punitiva verso le fasce non tutelate). Da qui il salto, o verso l’antico vecchio demagogo che ti turlupina mandando a casa la lettera dell’IMU o verso il nuovo, ignoto, ma che tanto peggio del vecchio non può essere.
    Io me la spiego così.
    Ora aspettiamo tutti al banco di prova e si vedrà:
    chi sono questi “grillini”, se al di là del “non esiste più né destra né sinistra” tenderanno più verso l’una o l’altra area (a proposito, una nota di colore: ieri le schede dei grillini erano riconoscibili a prescindere dal fatto che fosse segnato il loro simbolo. La croce era ripassata una trentina di volte e la matita ben calcata sul foglio. Poi non vi dico il loro rappresentante di lista, perniciosamente afflitto da una forma acuta di complotto planetario, poco mancava che prendesse la lampada di Wood per esaminare le schede bianche, semmai ci fosse stato un segnetto su m5s…), o si manifesterà lo scilipotismo anche tra le loro file;
    cosa farà il pd soprattutto su leggi in cui è forte la tentazione dell’inciucio con gli amichetti di sempre: legge elettorale, conflitto d’interessi e corruzione.
    Dopo aver visto tutto questo, nel tempo che durerà la legislatura, ne riparliamo… O meglio, non perdiamoci di vista cominciando fin da ora a seminare per la prossima volta.

  2. nereovilla Says:

    DisAsterRap

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: